Cittadini non appartenenti all'Unione Europea

Quali gli adempimenti e dove rivolgersi

Descrizione

I cittadini di Stato terzo, cioè appartenenti a paesi esterni dell'Unione europea, per poter entrare, circolare e soggiornare in Italia devono:

  • essere in possesso di passaporto
  • aver ottenuto il visto, se dovuto, nel loro Paese di provenienza
  • dichiarare la propria presenza in Italia alle autorità di frontiera 
  • ottenere il permesso di soggiorno quando richiesto;

N.B.: I cittadini di Stato terzo che vengono in Italia per visite, affari, turismo e studio per periodi non superiori ai tre mesi, non devono chiedere il permesso di soggiorno.

I cittadini di Stato terzo, in possesso di un permesso di soggiorno da almeno 5 anni, possono richiedere il "permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo" (ex carta di soggiorno) che è a tempo indeterminato.

I cittadini di Stato terzo, familiari di cittadini comunitari iscritti all’anagrafe, per entrare e soggiornare in Italia devono:

  • essere in possesso di passaporto
  • aver ottenuto il visto, se dovuto, nel loro Paese di provenienza (il visto non è necessario se il cittadino di Stato terzo è già in possesso della "carta di soggiorno di familiare di cittadino dell'Unione" rilasciata da altro stato membro)
  • trascorsi tre mesi dall’ingresso devono chiedere la "carta di soggiorno di familiare di cittadino dell'Unione"
  • dopo 5 anni di permanenza continuativa, i cittadini di Stato terzo familiari di cittadini comunitari possono chiedere la "carta di soggiorno permanente per familiari di cittadini europei"

PER INFORMAZIONI rivolgersi alla Prefettura di Vicenza

Iscrizione anagrafica

Per richiedere la residenza è necessario presentarsi personalmente ai Servizi Demografici durante gli orari di apertura al pubblico.